Sperando nell’arrivo di un dottore

La stanza sa di cenere
alle pareti un solo quadro
jeanne moreau che sorride
incerta tra jules e jim.
Tutti quei libri
ad impolverare parole
letti solo in parte
o riletti più volte.
Lui dice il color lavanda
mi leva la luce dagli occhi
apre le tende
ma fuori è il buio
ormai quasi domani.
Il domani non lo voglio
dice a sguardo basso
non lo voglio se non con te
e passa una mano sul mio braccio
e passa gli occhi sul mio seno.
E adesso come posso
rapirti davvero
portarti via da qui
leggerti le fiabe la sera.
Il lieto fine
non era il nostro
l’ho rubato da una sacca
e non portava il mio indirizzo.

Annunci

12 thoughts on “Sperando nell’arrivo di un dottore

      • Non volevo dirne male, il verso mi piace proprio per lallitterrazzione!
        E non scambiare un lettore distratto per un lavoro poco riuscito, se stai a guardare me dovresti mettere “Lui dice” ogni due o tre righe (chiedo l’attenuante del lunedì sera) 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...